spacer
Layout-BF-Logo15


 

KEYBF17AUTORI.003 001



Bassiano Zonta

Retrospettiva

Italia


Chiesa dell'Annunziata (via Museo)


Bassiano Zonta nasce a Bassano del Grappa nel 1937 e vi abita tuttora in Piazza Castello dove ha il suo piccolissimo laboratorio fotografico.
Fotografa per passione fin dal 1950: in quegli anni vi furono anche alcuni successi con premi e mostre.
Tralascia di fotografare per vari motivi fino
al 1985, anno in cui riprende l’antica passione, prima con il colore e poi con la sua
vera vocazione, il bianconero, che tratta personalmente dalla fase dello scatto alla
presentazione finale della stampa.
Dal 1989 il suo impegno in fotografia è sempre più deciso e finalizzato alla produzione di immagini che non si limitano alla singola fotografia ben fatta e fine a se
stessa, ma inizia un discorso per immagini
che unisce in maniera globale all’oggetto della sua indagine visuale e che lo porta a produrre portfoli di forte tensione estetica e comunicativa.
Nel 1997 il Museo di Bassano del Grappa gli richiede le foto del portfolio “Bottegai e Artigiani in Centro Storico”, il fotografo ne fa donazione; di questo lavoro viene pubblicato un libro fotografico dal titolo:“Mestieri Bassanesi”.
Una ricerca particolare fu fatta dal 1999 al 2000 nel mondo degli artisti, ne seguì una mostra molto apprezzata. L’idea viene ripresa nel 2009 con mostra relativa e libro fotografico.

Partecipa a numerose manifestazioni fotografiche sia in Italia che all’estero, sempre
con notevole successo.

Bassano è una città piena di segni, in cui la memoria ritorna a cercare un passato che il tempo ha immortalato.
La città di Bassiano Zonta è la città del desiderio ed è una città capace di far vedere l’invisibile.
E’ proprio quell’invisibile, che viene alla ribalta attraverso gli scatti di un artista che si rapporta col bianco e nero con molta familiarità.
Bassiano Zonta

Questo sito usa cookies per il proprio funzionamento (leggi qui...)