spacer
Layout-BF-Logo15


 

KEYBF17AUTORI.021 001



Gianluca Moretto

Vagabondo nella mia mente

Italia


Villa Morosini Cappello


Nato a Bassano del grappa nel ‘72
Sin da piccolo le arti figurative attraggono la sua attenzione ed il suo estro sognante.portandolo sin dall’infanzia ad esprimere i suoi sentimenti attraverso le arti.
Dopo essersi diplomato all’istituto tecnico industriale E. Fermi, nel 93 con il padre Gianni apre il laboratorio orafo G.L.M., un lavoro di maestria e tecnica manuale, che gli insegna l’arte della pazienza nel minutaggio orafo, con occhi puntati verso le mode e gli stili del tempo.
Curioso ed introverso di natura, a volte malinconico, ha da sempre cercato di capire il sentimento umano, le sue paure, le sue debolezze, la carne, l’anima, trasferendo nella pittura ad olio prima e nella fotografia poi i suoi sentimenti trasognanti ma nello stesso tempo reali.
Un viaggio che parte da dentro, e nelle giovani notti tra le letture di Oscar Wilde, D’Annunzio, Doyle, ma soprattutto Charles Bukowski, ha sempre cercato il lato nascosto dell’essere umano e della natura in genere, la sua caduta e la sua rinascita, per capire in fondo, se stesso.
Dopo diverse mostre di pittura nel territorio veneto, espone i suoi quadri anche sul lago di Como, all’evento “Mangia le prugne” sotto l’ala protettrice dell’Accademia Cube Art di Messina che lo annovera tra i suoi artisti. In quegli anni viene anche recensito da diverse testate giornalistiche romane del settore.
Da qui nasce un evoluzione interna, centrata nell’esprimere con l’immagine la sua visione dell’insieme, a volte sognante a volte brutale, la ricerca lo porta per puro caso a scoprire la fotografia nel 2010. Durante un viaggio nell’isola di Santorini riscopre una nuova forma di espressività visiva, immagini dove le parole non arrivano.
Gianluca Moretto

 

 

Questo sito usa cookies per il proprio funzionamento (leggi qui...)